In occasione dei Brera Design Days e della Quattordicesima giornata del Contemporaneo AMACI, Aldo Spinelli e Laura Zeni animeranno con le loro creazioni il quartiere milanese.Sonia S. Braga

In occasione dei Brera Design Days, dal 12 al 18 ottobre, l’artista Aldo Spinelli aprirà le porte del suo studio milanese nel cuore di Brera, in via Solferino 46, per un dialogo “A Due” con Laura Zeni, nel segno della contaminazione tra arte e design. L’evento, a cura di Serena Mormino, è organizzato dall’Associazione Culturale Amarte per la Quattordicesima Giornata del Contemporaneo Amaci, il grande evento dedicato all’arte contemporanea e al suo pubblico. Prendendo spunto dal tema del ritratto, Spinelli e Zeni animeranno il quartiere di Brera, proponendo, tra l’altro, creazioni di art design che uniscono ricerca estetica e funzionalità.

Ma c’è di più. Per un weekend, sabato 13 e domenica 14 ottobre (dalle 17.30 alle 20.30), il pubblico avrà l’opportunità di incontrare gli artisti e di interagire con le loro opere. Quest’anno, infatti, i protagonisti dei Brera Design Days, giunti alla terza edizione, approfondiranno il tema del ruolo del design in relazione alla progettazione urbana, alla grafica, all’industria 4.0, ai nuovi trend e al design come forma d’arte, di cui è espressione compiuta il lavoro di due creativi poliedrici come Aldo Spinelli e Laura Zeni.

Cresciuto nella Milano degli anni ’60 e ’70, Aldo Spinelli ha all’attivo 35 mostre personali e un centinaio di collettive in gallerie e musei internazionali. La sua poetica, di matrice concettuale, si regge sulle parole per fare dell’arte un gioco e del gioco un’arte, in perfetto equilibrio tra forma e contenuto, significante e significato. Dal 1991 è inoltre membro dell’Oplepo (Opificio di letteratura potenziale) e corrispondente italiano dell’Oupeinpo (Ouvroir de peinture potentielle).

Laura Zeni, milanese, si è formata all’Accademia di Belle Arti di Brera, sotto la guida di Raffaele De Grada. A partire dagli anni Ottanta mette a punto la sua personalissima cifra stilistica, dedicandosi alla creazione di opere d’arte e complementi di art design protagonisti di significative esposizioni in Italia e all’estero, da Londra a New York a Miami. Nel 2017 l’opera Cyclal Event è entrata nella collezione permanente del Museo del Parco – Centro Internazionale di Scultura all’Aperto di Portofino, in Liguria. Quest’anno, nei giorni del Fuorisalone, ha partecipato all’evento “Contaminiamoci“, organizzato dall’Accademia del Lusso – Scuola di Moda e Design, con il patrocinio di AD.

Link articolo originale